Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Un mestiere del prossimo futuro: il Cyber City Analyst

Rate this item
(0 votes)

Nel white paper pubblicato di recente dalla Cognizant, una delle principali aziende di servizi professionali a livello mondiale, specializzata nel progettare la trasformazione del business dei suoi clienti verso l'era digitale, si dichiara che il lavoro sta cambiando a causa dell'automazione e dell'intelligenza artificiale. Sulla base delle principali tendenze nei diversi campi applicativi, nel documento sono state individuate 21 nuovi professioni che emergeranno nei prossimi 10 anni e che diventeranno le pietre miliari del futuro del lavoro. 

Un grafico riassuntivo posiziona queste 21 nuove professioni secondo il loro grado di maturazione nell'arco temporale dei prossimi 10 anni ed in base al livello di centralità tecnologica. 

Una professione individuata è che si posiziona come maturità temporale nel 2021 e come centralità tecnologica abbastanza alta è stata denominata Cyber City Analyst, cioè uno specialista nella sicurezza dei dati che circolano sulle reti di comunicazione interne di una smart city. Dati personali sui cittadini, dati sulle risorse utilizzate, dati di sensori, informazioni di vario genere devono poter circolare senza essere compromesse o sottratte. Il Cyber City Analyst dovrà essere in grado di analizzare e riparare danni provocati da sistemi difettosi o hackerati.

Vediamo le attività che dovrà essere in grado di svolgere:

  • eseguire attività diagnostiche ed esaminare da remoto gli errori nei flussi di dati;
  • verificare il flusso e l'integrità dei dati;
  • monitorare le prestazioni, risolvere i problemi di interruzione dei flussi di dati, pianificare gli aggiornamenti e collaborare con i data architect per l'interoperabilità;
  • verificare l'operatività, la produzione e la ricezione dei dati di sensori e attuatori; 
  • far rispettare le politiche di gestione dei dati;
  • identificare le strategie di apertura o riservatezza dei dati.

 

Vai al white paper

 

 

URL breve di questo articolo: http://bit.ly/2ljp9dv

Login to post comments