Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Fascicolo Sanitario Elettronico: 11 milioni di cittadini lo usano già

Rate this item
(0 votes)

Attualmente il 95% delle Regioni italiane dà la possibilità ai cittadini di attivare un Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE).

Il fascicolo consente di avere a disposizione in qualsiasi momento i propri dati clinici in formato digitale, eliminando la documentazione cartacea, quindi permettendo risparmi di costo e una migliore accessibilità delle informazioni sanitarie da parte del paziente, nonché delle Asl e delle strutture ospedaliere e facilitando così anche gli interventi di cura ordinari e straordinari.

Negli ultimi 3 anni aumentate del 90% le adesioni regionali al FSE: oggi sono il 95% le Regioni attive e oltre 11 milioni i cittadini che hanno aperto un proprio fascicolo. I referti digitalizzato hanno toccato quota 239 milioni. Prosegue il percorso di Agid e tutti gli altri attori istituzionali per migliorare gestione dei dati sanitari e favorire la diffusione di questo strumento

La messa a punto e l’implementazione dell’infrastruttura nazionale, degli standard e delle regole tecniche relative al Fascicolo sanitario elettronico coinvolgono una serie di attori istituzionali a cominciare da Agid, con il supporto di Cnr, Mef, Ministero della Salute e Regioni.

Attualmente il fascicolo elettronico può raccogliere una serie di documenti sanitari di base tra cui il profilo sanitario del paziente, i suoi referti, i verbali di pronto soccorso, le lettere di dimissione, i dossier farmaceutici e il consenso o diniego alla donazione degli organi e tessuti. A questi documenti, in alcune Regioni, se ne stanno aggiungendo altri come ad esempio la raccolta delle cartelle cliniche, dei bilanci di salute, i programmi di assistenza domiciliare, piani diagnostico terapeutici, i certificati medici, le vaccinazioni, e altri ancora.

Il fascicolo potrà diventare lo strumento cardine per abilitare nuovi percorsi di cura e prevenzione personalizzati soprattutto per i malati cronici e gli anziani, anche in collegamento con i sistemi di telemedicina.

Fonte AgID 

 

URL breve di questo articolo: http://bit.ly/2Ex1MUf

Last modified on Monday, 27 May 2019 11:26
Login to post comments