Italian English French German Portuguese Russian Spanish

L’ISPRA ha realizzato la mosaicatura delle aree a pericolosità idraulica elevata (P3) con tempo di ritorno fra 20 e 50 anni (alluvioni frequenti), a pericolosità media (P2) con tempi di ritorno fra 100 e 200 anni (alluvioni poco frequenti) e a pericolosità P1 (scarsa probabilità di alluvioni o scenari di eventi estremi), redatte dalle Autorità di Bacino, Regioni e Province Autonome ai sensi del D. Lgs. 49/2010.

Published in Dati per il territorio

Nella sessione "Servizi di e-gov per i comuni" della Conferenza LandCity Revolution 2016, è stata presentata da Marco Redini del Comune di Pisa, la relazione "Geomonitor: un innovativo sistema per il controllo dei servizi di igiene ambientale".

Gli incendi che hanno devastato la Sicilia a metà giugno, hanno fatto da tragico prologo alla stagione estiva, quella più critica per gli incendi di boschi e foreste. Un nuovo strumento software permette di utilizzare i dati gratuiti dei satelliti Sentinel e Landsat, per perimetrare le aree colpite e monitorarne i cambiamenti in modo semplice ed automatico, riducendo i costi. 

 

11.30 – 13.00 Sessione: Tecnologie e soluzioni ICT per l’agricoltura, l’ambiente e i rifiuti

(in Aula Convegni)

Key note introduttiva e moderazione: Angela Poletti (Politecnico di Milano)

 

Sono intervenuti:

Daniele Trinchero (iXem) e Riccardo Stefanelli (Politecnico di Torino) “Internet per l'agricoltura sostenibile”

Giuseppe Maffeis (TerrAria) e Simone Sterlacchini (CNR-IDPA) “Progetto SIMULATOR - gestione rischi ambientali”

Ruggero Palumbo e Giacomo Campanella (Servizi di Informazione Territoriale) “Sistemi e soluzioni per la gestione della raccolta differenziata dei rifiuti”

Velia  Sartoretti (TeamDev) “Applicazione delle tecnologie di precision farming in supporto alla gestione agricola”

 

 

Published in Archivio news

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale ha presentato due applicazioni web per gestire l'inventario nazionale degli stabilimenti suscettibili di causare incidenti rilevanti, regolamentato dal Dlgs 105/2005 (Seveso III).

Page 4 of 5