Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Quattro nuovi satelliti Galileo in orbita pronti per i servizi di geolocalizzazione

Rate this item
(0 votes)

Il 12 dicembre con il lancio a bordo di un razzo Ariane 5 sono stati portati in orbita quattro satelliti Galileo per la navigazione satellitare. Manca quindi solo un ulteriore lancio per completare la costellazione Galileo.

Nei giorni a seguire il lancio i quattro satelliti saranno direzionati nell'orbita operativa finale. Là, cominceranno circa sei mesi di test per verificare che i satelliti siano pronti ad aggiungersi alla costellazione Galileo già in funzione.

La missione porta il sistema Galileo ad un totale di 22 satelliti. I servizi sono cominciati circa un anno fa, il 15 dicembre 2016.

Galileo è il sistema di navigazione satellitare globale civile in Europa. Permetterà agli utenti in tutto il mondo di conoscere la loro esatta posizione nel tempo e nello spazio con grande precisione ed affidabilità. Una volta completato, il sistema si comporrà di 24 satelliti operativi e dell'infrastruttura di terra per la fornitura di servizi di posizionamento, navigazione ed orari.

Il programma Galileo è finanziato ed è di proprietà dell'UE. La Commissione Europea ha la responsabilità complessiva del programma, gestendo e supervisionando l'implementazione di tutte le attività del programma.

Il dispiegamento di Galileo, la progettazione e lo sviluppo della nuova generazione di sistemi, e lo sviluppo tecnico dell'infrastruttura, sono affidati all'ESA. Le fasi di definizione, sviluppo e validazione in orbita sono state condotte dall'ESA, e co-finanziate da ESA e dalla Commissione Europea.

La GSA assicura la richiesta e la sicurezza di Galileo. Le operazioni e la prestazione di servizi Galileo sono stati affidati alla GSA a luglio 2017.

Fonte ESA

 

URL breve di questo articolo: https://goo.gl/SrxS8o

Login to post comments