Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Tecnologia geografica per monitorare le catastrofi naturali

Rate this item
(0 votes)

Nei giorni scorsi l’Uragano Dorian ha devastato le Bahamas e ha poi raggiunto la Florida, la Georgia e la Carolina del sud. Migliaia le persone disperse e almeno 70.000 quelle che sono rimaste senza casa. Non appena è stata diramata l’allerta per l’uragano, Esri, nota azienda produttrice si software GIS, ha attivato l’Esri Disaster Response Program.

Si tratta di un programma di supporto alle organizzazioni che, in varie parti del mondo, si trovano ad affrontare catastrofi naturali (terremoti, alluvioni, tsunami, etc.), fornendo gratuitamente software, dati, immagini satellitari, assistenza specializzata e supporto tecnico.

Attraverso un portale, Esri ha quindi messo a disposizione una serie di web app, servizi e dati geografici a supporto di tutte le organizzazioni coinvolte nell’evento. I dati sono stati poi validati e aggiornati costantemente dagli esperti dei principali istituti preposti alla gestione dell’emergenza.

Le mappe sono state usate per seguire il percorso dell’uragano, in tempo reale, per definire le zone di evacuazione, capire la vulnerabilità dei territori e prevenire il più possibile i rischi. Gli operatori sul campo, inoltre, hanno avuto a disposizione gli strumenti per monitorare i danni in tempo reale, come l’agibilità degli edifici o l’accessibilità delle strade, e dare indicazioni utili alla popolazione. Attraverso mappe social anche le persone direttamente colpite hanno potuto postare foto dei nefasti effetti del passaggio dell’uragano.

Indubbiamente la tecnologia non ha permesso di salvaguardare interamente la popolazione, che è stata duramente colpita da Dorian, soprattutto alle Bahamas, però gli strumenti e le informazioni cartografiche messe a disposizione da Esri e dalle altre organizzazioni hanno consentito di ottenere informazioni strategiche per i decision maker, al fine di affrontare al meglio la situazione.

Fonte www.esriitalia.it

 

URL breve di questo articolo: http://bit.ly/30iUsUA

Last modified on Monday, 16 September 2019 15:37
Login to post comments