Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Sempre più immagini da satellite per conoscere il territorio

Rate this item
(1 Vote)

Planetek ha siglato due accordi di distribuzione con le società Twenty First Century Aerospace Technology (21AT Asia) e MDA Geospatial Services per la fornitura di immagini raccolte a livello globale dai satelliti TripleSat e RADARSAT-2.

21AT Asia è il fornitore delle immagini satellitari ottiche ad alta risoluzione TripleSat. La costellazione è composta da tre satelliti identici e le immagini satellitari sono disponibili ad una risoluzione di 0,8 m.

I tre satelliti sono posizionati sulla stessa orbita ad una distanza di 120° l’uno dall’altro garantendo l’acquisizione giornaliera di ogni punto della Terra con una capacità di acquisizione di mezzo milione di km² al giorno.

MDA Geospatial Services è la società canadese fornitrice delle immagini radar ad alta risoluzione RADARSAT-2.

RADARSAT-2 è ad oggi il satellite commerciale radar ad apertura sintetica (SAR) a più alta capacità al mondo, in grado di acquisire immagini della Terra in orari notturni e in condizioni di nuvolosità a risoluzioni spaziali che vanno da 1 a 100 m, fornendo coperture da 144 a 250.000 km² in una singola scena.

Il satellite fornisce immagini nelle diverse tipologie di polarizzazione: co-polarization (HH), vertical co-polarization (VV) e cross-polarization (HV o VH).

Questi due nuovi accordi di distribuzione aggiungono ulteriori opportunità alla capacità di Planetek di soddisfare le necessità di monitoraggio dei clienti in una vasta gamma di applicazioni e completando un portfolio vasto e variegato per fornire prodotti e servizi geospaziali tempestivi e personalizzati. 

Planetek Italia, infatti, ha già in essere accordi con i principali fornitori mondiali di dati satellitari, tra i quali Airbus Defence & Space, DigitalGlobe, Planet Labs e Deimos Imaging. 

Per maggiori informazioni contatta lo staff di Planetek Italia (www.planetek.it) al Tel. 0809644200 o scrivendo alla mail: sales @ planetek.it

 

Url breve di questo articolo: https://goo.gl/ehbQDy

Login to post comments