Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Il nuovo Ministero per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione

Rate this item
(0 votes)

Con il Governo Conte 2 nasce un nuovo Ministero, senza portafoglio dedicato all'innovazione digitale. In realtà in precedenza c'era già stato un Ministero per l'Innovazione e le Tecnologie con il secondo e terzo Governo Berlusconi (2001-2006) e Lucio Stanca come Ministro. Ma il nuovo Ministero del Governo Conte 2 nato, secondo quanto dichiarato dal premier Conte, per dare una svolta alla materia, avrà una logica diversa rispetto alle precedenti esperienze, e si coordinerà con il primo Dipartimento per la trasformazione digitale che nascerà a gennaio sotto Palazzo Chigi  e con l'Agenzia per l'Italia Digitale (che dipendeva fino ad ora dal Dipartimento di Funzione Pubblica), come braccio operativo.

Tutto questo nasce soprattutto per dare una spinta ad un settore che vede l'Italia molto indietro rispetto agli altri paesi europei, tanto da essere al 25° posto su 28 paesi nell'Indice di Digitalizzazione dell'Economia e della Società.

A dirigere questo Ministero è stata scelta Paola Pisano, 42 anni, , laureata in Economia con un dottorato in Economia Aziendale presso l’Università di Torino, fino ad ora assessore all’Innovazione, Smart City, Servizi Demografici e Statistici e Sistemi Informativi del Comune di Torino guidato dal sindaco Chiara Appendino, nonché docente di Gestione dell’Innovazione all’Università degli Studi di Torino e Direttore del Centro di Innovazione tecnologica dell’Università di Torino.

La Pisano ha un'ottima esperienza in materia. Ha avviato il progetto Torino City Lab per fare della città piemontese un luogo dove sia possibile testare le soluzioni del futuro, comprenderne le ricadute e valutarne l’accettabilità e l’impatto sociale. Ha quindi avviato la sperimentazione delle auto a guida autonoma in città, il test di RoboTo, un bar gestito da robot che per tre mesi hanno preparato e servito cocktail ai cittadini, ed ha dato una notevole spinta per il 5G.

E' stato soprannominata "la signora dei droni" per la sua passione verso questa tecnologia che ritiene importante soprattutto per il monitoraggio delle infrastrutture e il controllo degli incidenti. Nel 2018 e 2019 ha sostituito, in occasione della festa del patrono della città di Torino, i tradizionali fuochi d’artificio con uno spettacolo di luci generate da centinaia di droni in volo sulla città.

In prima ipotesi sembra quindi che l'impostazione generale delle strutture di governo sul tema dell'innovazione data dal Governo Conte 2, possa dare una buona change all'Italia. Speriamo anche che la scelta del Ministro, sicuramente più che preparato sulla materia, ci possa consentire di migliorare la digitalizzazione della pubblica amministrazione e la crescita delle nostre città digitali.

 

URL breve di questo articolo: http://bit.ly/2ZOECF2

Login to post comments