Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Approvati Bandi CEF 2016 Infrastrutture e Trasporti: per l'Italia 114 milioni di Euro

Rate this item
(0 votes)

Pubblicati i risultati dei Bandi CEF del 2016 che vedono ulteriori 13 progetti approvati per l’Italia con un contributo aggiuntivo di 114 milioni di Euro. I risultati ottenuti, aggiunti ai precedenti che vedono 42 progetti CEF in corso di realizzazione con un contributo europeo di circa 1.3 miliardi di Euro.

Ecco la lista progetti:

5 progetti inerenti i sistemi ITS – Intelligent Trasport System (servizi di parcheggio per veicoli merci; servizi di informazioni sul traffico; maggiore sicurezza per il trasporto merci) nonché i Sistemi Cooperativi Intelligenti di Trasporto (C-ITS) per condividere e utilizzare informazioni tra gli utenti della strada per circa 25 milioni di euro;

2 progetti inerenti i temi di innovazione e nuove tecnologie per circa 7,7 milioni di euro (mobilità elettrica e GNL nel settore portuale e terrestre);

2 progetti inerenti la gestione del traffico aereo (ATM) nell'ambito dell'implementazione del Cielo Unico Europeo per circa 50,2 milioni di euro;

1 progetto relativo all’attrezzaggio tecnologico ferroviario (ERTMS) su sezioni dei tre corridoi Reno-Alpino, Mediterraneo e Baltico-Adriatico, per circa 27,3 milioni di euro;

1 progetto relativo allo sviluppo del nodo prioritario di Roma per circa 1,2 milioni di euro volto a garantire il potenziamento dei servizi di trasporto pubblico e la rimozione delle strozzature lungo  il GRA di Roma;

1 progetto per il settore marittimo delle Autostrade del Mare (MOS) per nuove infrastrutture e servizi nei porti di Venezia e Patrasso per circa 2,6 milioni di euro;

1 progetto nel campo intermodale, con riferimento alla priorità sui servizi di trasporto merci, per circa 0,2 milioni di euro volta a rafforzare la condivisione di informazioni e dati (in particolare sugli orari previsti di arrivo dei treni – ETA) relativi ad un servizio ferroviario intermodale.

 

Clicca qui per vedere la scheda relativa all'Italia.

 

Fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 

 

URL breve di questo articolo: https://goo.gl/zHLdnU

Login to post comments