Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Il mercato digitale della Sharing Mobility

Rate this item
(0 votes)

Secondo il Rapporto elaborato dall'Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility e presentato a Roma il 27 giugno, in 48 città italiane  (43 nel 2017) sono accessibili i servizi digitali di pianificazione degli spostamenti con il TPL e di gestione delle piattaforme di sharing mobility. 

Tra le piattaforme c'è Nugo, lanciata da una startup del gruppo FS, permette di acquistare in un’unica soluzione tutti i biglietti dei vettori di trasporto scelti per il viaggio, che siano treni, bus, aerei, metropolitane, car e bike sharing. 

Continuano a crescere anche le piattaforme digitali dedicate al servizio taxi sia in termini di città coperte che di utilizzo, facendo registrare più di 3,1 milioni di corse prenotate nel 2018.

Sulle piattaforme di sharing mobility sono in arrivo anche monopattini elettrici, hoberboard, segway e monowheel, grazie al recente decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che ha finalmente dato il via alla sperimentazione della micromobilità, cioè del cosidetto “ultimo miglio”, gli spostamenti inferiori ai 5 chilometri che coprono il 50% delle esigenze della cittadinanza. 

 

 

URL breve di questo articolo: http://bit.ly/2J0jMcy

Login to post comments