• Home
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Digital Economy and Society Index - l'Italia 25a su 28 paesi europei

Rate this item
(0 votes)

L'Unione Europea ha sviluppato il DESI - Digital Economy and Society Index, un indice costruito su cinque aree tematiche e più di 30 indicatori utile per valutare lo stato dell’Agenda Digitale dei Paesi dell’Unione. L'Italia è al 25° posto su 28 paesi europei nel punteggio complessivo. Per l'uso di Internet è al 27° posto e al 19° per la digitalizzazione dei servizi pubblici. 

Ma quali sono le 5 aree tematiche del DESI? Connettività  intesa come reti fisse a band larga, reti mobili a banda larga e relativi prezzi; capitale umano e competenze digitali di base ed avanzate; uso di internet da parte dei cittadini inteso come utilizzo di contenuti, canali di comunicazioni e transazioni online; integrazione di tecnologie digitali da parte delle aziende e commercio elettronico; digitalizzazione dei servizi pubblici e sanità digitale.

Nel punteggio complessivo sono in testa Danimarca, Svezia, Finlandia, Olanda Lussemburgo, Irlanda, Regno Unito, ecc. L'Italia è quart'ultima ed è seguita solo da Bulgaria, Grecia e Romania. Nel 2017 era al 25° posto, quindi nel 2018 ha perso un posto. 

Per la connettività l'Italia è salita dal 25° al 26° posto ma è in controtendenza per i prezzi dei servizi a banda larga. Anche per il capitale umano l'Italia è salita di un posto attestandosi in 25a posizione. L'indice peggiore di questa categoria è il numero di laureati in scienze, tecnologia, ingegneria o matematica. Per l'uso di Internet la posizone rimane stabile al 27° posto. Si nota un miglioramento per le videochiamate, i social network, i servizi bancari e lo shopping; un peggioramento per quanto riguarda la consultazione di notizie. Nell'integrazione delle tecnologie digitali sale dal 19° al 20° posto ma un segno negativo lo presenta il fatturato e-commerce. La digitalizzazione dei servizi pubblici presenta il miglior punteggio fra le cinque categorie: l'Italia si posiziona al 19° posto ma non migliora rispetto al 2017. Nella comparazione con Francia, Spagna, Germania e Regno Unito comunque l'Italia resta ultima rispetto alla percentuale di individui che negli ultimi anni hanno interagito online con uffici pubblici.

 

URL breve di questo articolo: https://goo.gl/W32S24

 

Login to post comments