• Home
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Come cresce il mercato delle auto elettriche

Rate this item
(0 votes)

Secondo il rapporto "Global EV Outlook 2018" della IEA - International Energy Agency - dedicato al mercato dei veicoli elettrici, nel mondo sono attualmente circolanti 3.1 milioni di auto elettriche o ibride plug-in cioè auto ibride che possono essere ricaricate anche allacciandosi alla rete elettrica. Di questi 3.1 milioni di veicoli, un terzo sono stati venduti nel 2017, il 54% in più rispetto al 2016.

Il mercato delle auto elettriche più attivo è quello Norvegese con il 39% del totale delle auto vendute nel 2017. Seguono l'Islanda e la Svezia rispettivamente con 11,7% e il 6,3%. 

Un altro mercato di riferimento è quello della Repubblica Popolare Cinese. con il 2,2% nel 2017 ed il mercato degli Stati Uniti.

Cresce anche il mercato mondiale delle due ruote con 30 milioni di mezzi venduti nel 2017, e degli autobus con 100.000 veicoli venduti nel 2017, in gran parte in Cina.

Il mercato delle auto elettriche è ovviamente strettamente correlato con la crescita dei punti di ricarica presso abitazioni e luoghi di lavoro che si stima sia di 3 milioni di installazioni. I punti di ricarica pubblici sono circa 320.000 in tutto il mondo è sono ancora per due terzi con tecnologia a ricarica lenta. Sicuramente questo è un aspetto critico che richiede investimenti e supporto politico.

In Italia, da fonti nazionali, le colonnine sono poco più di 4.200 in 2.100 postazioni. Il governo ha varato il Piano nazionale per l'installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici che prevede 7.000 colonnine entro il 2020 e altre 7.000 entro il 2022. Per quanto riguarda i veicoli, nel 2017 anche se le vendite sono aumentate, le vetture in totale sono 1.967  ma rappresentano solo lo 0,1% del mercato. La mancanza di una infrastruttura adeguata ed il costo elevato delle vetture e delle batterie, la mancanza di incentivi adeguati, sono le motivazioni di questa crescita molto esegua. 

 

URL breve di questo articolo: https://goo.gl/2QZt4L

Login to post comments